Viaggio in Italia del Vice Ministro degli Esteri della Repubblica dell’Azerbaijan e Rettore dell’Università ADA, Prof. Hafiz Pashayev e visita all’ASI – Agenzia Spaziale Italiana

8 febbraio 2016
2894 Views

Roma, Febbraio 2016. In occasione della presentazione del libro “Memorie di un Ambasciatore” edito da Sandro Teti Editore, Ital Caspian in collaborazione con la società Creasys srl ha organizzato una visita privata all’Agenzia Spaziale Italiana per il Vice Ministro Pashayev.
All’incontro con i vertici della struttura italiana hanno partecipato, oltre al Vice Ministro Pashayev, il Prorettore dell’Università ADA di Baku, Fariz Ismailzade, il nuovo Ambasciatore della Repubblica dell’Azerbaijan in Italia S.E. Mammad Ahmadzada, il Consigliere d’Ambasciata, Signor Samir Allahverdiyev.
Il management di Ital Caspian, insieme al Dott. Sandro Teti e al CEO della società Creasys, Ing. Giovanni Picca, hanno introdotto l’incontro evidenziando le opportunità di collaborazione che possono scaturire tra ASI e l’Agenzia Spaziale dell’Azerbaijan “Azercosmos”. Il Vice Ministro degli Esteri Pashayev ha quindi invitato l’ASI e il suo Ambasciatore a promuovere il dialogo tra le agenzie dei due Paesi. Da parte dell’ASI, a nome del Presidente Prof. Roberto Battiston, il Prof. Sergio Marchisio, Membro del Board of Director ASI, si è detto pronto a incontrare l’Ambasciatore Ahmadzada per approfondire questa opportunità. A margine dell’incontro, si è svolta una visita di approfondimento presso la CEF – Concurrent Engineering Facility dell’ASI quale possibile modello di collaborazione con i colleghi di Azercosmos.
La CEF è infatti il primo passo per migliorare e velocizzare gli studi di valutazione concettuale e di impostazione dei progetti (fasi 0 ed A nella terminologia standard ECSS). Strumenti analoghi sono già operativi presso l’ESA (CDF facility), il CNES (CIC), la DLR, la NASA JPL (Team X) e le maggiori industrie spaziali europee. La metodologia di Concurrent Engineering su missioni spaziali è innovativa ed è stata introdotta per la prima volta in Europa nel 1995. Le maggiori industrie ed agenzie spaziali nazionali e l’ESA l’hanno adottata per i loro progetti.

Lascia un commento